Coronavirus: per noi la tua salute è molto importante. Ti esortiamo ad attenerti alle raccomandazioni della Confederazione.

Come scegliere la rata giusta per il tuo credito

  • 04.11.2019
  • Ben M.
  • Tempo di lettura: 4 min.

La cifra più importante in un contratto di credito è, oltre all’importo, la rata. Ti svelerò cosa si nasconde dietro questo concetto, il modo in cui le banche calcolano la rata del credito e ti fornirò tre suggerimenti su come trovare la rata giusta per il tuo budget. Pronti?

Fantastico, allora partiamo! Giusto per iniziare, ecco un breve riepilogo.

La rata del credito o mensile è l’importo che versi ogni mese alla banca finché il tuo credito non sarà completamente rimborsato, ovvero restituito. La rata è fissata nel contratto di credito e si compone di una parte dell’importo preso in prestito e degli interessi spettanti.

Naturalmente, non puoi scegliere tu il tasso d’interesse: le banche lo fissano in base all’importo del credito e alla tua solvibilità. Questo perché, alla fine, è la banca ad assumersi il rischio se il denaro non viene rimborsato. Bene, ora possiamo davvero iniziare.

Come viene calcolata la rata del credito

Per calcolare la rata del credito devi conoscere il tasso d’interesse, l’importo del credito e la durata del contratto di credito.

Facciamo un esempio.

Supponiamo che tu voglia acquistare un’auto, modello familiare, con spazio per le biciclette, usata ma in buono stato. Guarda caso, il tuo vicino ne sta vendendo proprio una così. L’auto è come nuova e il vicino è bravo a contrattare: avrai dunque bisogno di più soldi di quanti ne tu ne abbia sul tuo conto. Ti serve un credito di 15'000 franchi.

Con la banca hai concordato le condizioni seguenti.

  • Importo del credito: CHF 15'000.00
  • Durata: 30 mesi
  • Tasso d’interesse effettivo: 6 %

Cos’è il tasso d’interesse effettivo?

Quando ottieni un credito, è come se comprassi denaro dalla banca. Con gli interessi, la banca paga il fatto che ti presta denaro. Il tasso d’interesse effettivo comprende le spese amministrative e altre spese bancarie: l’interesse effettivo percentuale considera, quindi, tutte le spese che devi pagare per il tuo credito.

Per calcolare la rata del credito nell’esempio menzionato, innanzitutto dobbiamo conoscere i valori seguenti.

  • Importo del credito: 15'000.00 CHF
  • Totale interessi: CHF 1'158.26 (per una durata di 30 mesi)
  • Importo del credito inclusi gli interessi: CHF 16'158.26

Se dividiamo l’importo del credito inclusi gli interessi per 30 mesi, otteniamo una rata mensile di 538.61 franchi.

Gli interessi complessivi sono calcolati con una formula complicata che considera, fra le altre cose, anche la durata del tuo credito. È ovvio. Per la banca, infatti, fa differenza prestare denaro a otto mesi o a due anni: quanto maggiore la durata, tanto più caro sarà il credito. Questo significa che se scegli una durata minore, la rata mensile aumenta, ma i costi complessivi del credito inclusi gli interessi scendono.

Riprendiamo lo stesso esempio di prima, ma cambiamo la durata.

Durata:

30 mesi

25 mesi

12 mesi

Totale interessi:

CHF 1'158.26

CHF 967.60

CHF 478.81

Totale costi del credito:

CHF 16'158.26

CHF 15'967.50

CHF 15'967.50

Rata mensile del credito:

CHF 538.61

CHF 638.70

CHF 1'289.90

Adesso sai come viene calcolata una rata del credito. Ma come scegliere la giusta rata per la propria situazione? Ti elenco qui di seguito tre suggerimenti per scegliere la rata giusta.

Consiglio n. 1: nel dubbio optare per periodi più lunghi e rata del credito più bassa

Per sapere qual è la rata migliore per te, devi confrontare entrate e uscite del tuo bilancio familiare. Per prudenza aggiungi anche un importo di riserva nelle uscite.

Come dimostrano i calcoli riportati sopra, in generale possiamo dire che minore è la durata del rimborso, tanto più conveniente è il credito. D’altro canto, però, in questo modo le rate mensili del credito sono maggiori. Per questa ragione dovresti fare attenzione ed essere certo di poter pagare le rate mensili anche in caso di spese impreviste: per esempio la riparazione della lavatrice o il pagamento della fattura del dentista. Nel dubbio, quindi, opta sempre per una durata più lunga con rate più basse. Potrai sempre pagare di più.

Se invece fai dei ritardi nei pagamenti, rischi di essere registrato presso la Centrale per le informazioni di credito (ZEK):  una tale iscrizione peggiora la tua affidabilità creditizia e questo può essere un vero problema ovvero costarti una fortuna se in futuro vorrai cercare di ottenere un credito.

Consiglio n. 2: utilizzare il calcolatore del credito 

Banche diverse offrono durate, interessi e importi del credito diversi. Per riuscire a ottenere le condizioni migliori dovresti confrontare diverse offerte. Ti consiglio comunque di non richiedere le offerte di credito direttamente alle banche, perché la ZEK registra tutte le richieste e i rifiuti. Con il calcolatore del credito puoi effettuare un confronto di mercato senza venire iscritto presso la ZEK: furbo, oltre che comodo! Calcola quindi la tua offerta di credito personale direttamente qui: devi solo indicare alcuni dati personali come, per esempio, la residenza o le entrate e le uscite. Questi dati ci servono per calcolare il tuo budget personale e per mostrarti quale banca ti fa quale offerta.

Consiglio n. 3: aumentare o ridurre in modo flessibile la rata del credito

In Svizzera la Legge federale sul credito al consumo prescrive che puoi rimborsare in qualsiasi momento un importo maggiore della rata inizialmente concordata. Se quindi, per esempio, disponi di più denaro del previsto in seguito a un aumento del salario o a un’eredità, è sensato pagare rate del credito più alte risparmiando così sugli interessi.

Se invece, durante la durata del credito, ti trovi improvvisamente in difficoltà finanziarie, hai la possibilità di verificare un aumento del tuo credito oppure una proroga della durata. Nella maggior parte dei casi, però, le banche accettano queste variazioni solo se hai già rimborsato puntualmente un certo numero di rate. Oppure puoi richiedere un nuovo credito. In questo caso la richiesta è verificata, come la prima volta e hai la possibilità di scegliere una durata diversa e una nuova rata del credito. Forse il nuovo credito potrebbe avere addirittura interessi inferiori.

Caspita, questa storia dei crediti non è affatto facile. Quando una volta ho dovuto chiedere un credito per pagare la fattura del dentista, mi sono davvero tremate le gambe. Per questa ragione ho stipulato, insieme al credito, una cosiddetta assicurazione rate. Questo tipo di assicurazione entra in ballo quando, nostro malgrado, non si è più in grado di rimborsare un credito, per esempio in seguito a licenziamento o malattia. All’epoca non ne ho usufruito, ma conviene sempre farci un pensierino.

Riscattare il tuo credito

Desideri riscattare anticipatamente il tuo credito? Non è poi così complicato: ti aiutiamo a trovare un nuovo credito più conveniente – online e in pochi passaggi.

Confrontare le offerte