Coronavirus: per noi la tua salute è molto importante. Ti esortiamo ad attenerti alle raccomandazioni della Confederazione.

Modelli ipotecari: mamma e bambino sul terrazzo

Tre modelli ipotecari per il tuo alloggio per uso proprio

  • 04.11.2019
  • Laura A.
  • Tempo di lettura: 5 min.

Ipoteca a tasso fisso, Libor o variabile: qual è la scelta giusta? Al momento di acquistare una casa ho voluto vederci chiaro. Per facilitarti la vita, ti ho riassunto le principali informazioni sui tre modelli ipotecari.

Tanto per iniziare: cos’è un’ipoteca?

Bella domanda! Se pensi a un’ipoteca, infatti, almeno le basi dovrebbero essere chiare. 

Un’ipoteca è una forma speciale di credito. Con l’aiuto di una banca, un’assicurazione o una cassa pensioni ci puoi finanziare l’acquisto di un nuovo appartamento o di una nuova casa. Un immobile o un terreno rappresentano sempre una sicurezza per la banca.

Ipoteca a tasso fisso

È il modello più ricorrente, in quanto la maggior parte delle persone che acquista una casa opta per questo tipo di ipoteca. Con un’ipoteca a tasso fisso, blocchi il tasso d’interesse per tutta la durata. Il contratto ha una durata variabile compresa fra un anno e un massimo di 25, a seconda dell’offerente. La maggior parte delle banche propone offerte di durata fra due e dieci anni.

Vantaggi dell’ipoteca a tasso fisso

Sicuramente gli interessi. Questo perché, anche se i tassi d’interesse aumentano, ciò non ti riguarda, tu continuerai a pagare il tasso concordato per la tua ipoteca. Così potrai pianificare a lungo termine, una cosa ottima soprattutto per le giovani famiglie. 

Svantaggi dell’ipoteca a tasso fisso

Segnati subito questo: più lunga è la durata dell’ipoteca a tasso fisso, più alto è il tasso d’interesse. Questo perché la banca non ha la sfera di cristallo e le risulta difficile valutare il tuo futuro, quindi deve accollarsi una maggiore incertezza. Inoltre, un contratto a lungo termine consente una minore flessibilità. È questo il caso, per esempio, se desideri vendere la casa o l’appartamento prima della fine del contratto ipotecario: alcuni offerenti addebitano commissioni salate a chi desidera riscattare prima del tempo l’ipoteca a tasso fisso.

Qui trovi maggiori informazioni sull’ipoteca a tasso fisso.

Ipoteca Libor

Un’ipoteca Libor si adegua al livello generale degli interessi durante la sua durata. Da qui il nome «Libor», ovvero per esteso «London Interbank Offered Rate», cioè il tasso per i crediti interbancari. In questo caso, dunque, il tasso d’interesse non è fisso e la banca stabilisce un margine d’interesse per tutta la durata dell’ipoteca. 

Vantaggi dell’ipoteca Libor

Se il livello generale degli interessi cala, pagherai meno interessi sull’ipoteca. L’ipoteca Libor consente una certa flessibilità perché il contratto dura da un anno a un massimo di cinque. Questo è utile, per esempio, se vuoi cambiare banca o vendere la proprietà. Molte banche consentono anche il passaggio a un’ipoteca a tasso fisso, nel caso in cui decidessi di agire in base alle variazioni dei tassi d’interesse o se cambia qualcosa nella tua pianificazione familiare.

Svantaggi dell’ipoteca Libor

Il rischio di variazione degli interessi, naturalmente. Se il livello generale degli interessi sale, aumentano anche gli interessi sulla tua ipoteca. Questo può essere anche piuttosto costoso, a seconda dell’importo del tuo credito. Un altro ostacolo è che le ipoteche Libor vengono proposte da pochi operatori. 

Qui trovi maggiori informazioni sull’ipoteca Libor.

Cos’è il margine d’interesse?

Se depositi dei risparmi presso una banca, questa ti corrisponde gli interessi. Allo stesso tempo la banca riscuote interessi sui crediti concessi. Il margine d’interesse è la differenza fra questi due tassi e per la banca è più importante della percentuale in termini assoluti dei tassi. Con un’ipoteca Libor, viene fissato il margine d’interesse per tutta la durata.

Ipoteca a tasso variabile

Un’ipoteca a tasso variabile consente una doppia flessibilità. 

Da una parte gli interessi che non sono fissi, ma variano secondo il livello degli interessi come per l’ipoteca Libor. Il margine corrisposto alla banca, tuttavia, è superiore rispetto all’ipoteca Libor. Cosa che a prima vista può sembrare negativa. Ma ecco che entra in gioco l’altra faccia della flessibilità. Con l’ipoteca a tasso variabile la flessibilità, infatti, non riguarda solo il fronte degli interessi, ma anche i termini di riscatto e gli importi minimi. 

Vantaggi dell’ipoteca a tasso variabile

Il termine per il riscatto, che va dai tre ai sei mesi a seconda della banca. Questo ti consente di essere molto più flessibile rispetto a un’ipoteca Libor o a tasso fisso e ti permette di reagire rapidamente ai cambiamenti della tua vita. Inoltre, gli importi minimi sono inferiori a quelli di altre ipoteche.

Svantaggi dell’ipoteca a tasso variabile

Importante da sapere: nel panorama attuale di tassi d’interesse, l’ipoteca a tasso variabile non conviene perché con circa il 2,5 % si pagano più interessi che per le altre ipoteche. Un altro elemento di difficoltà è dato dalla struttura non trasparente degli interessi, che non si basa su un tasso pubblico come nel caso dell’ipoteca Libor.

Qui trovi maggiori informazioni sull’ipoteca a tasso variabile.

È la TUA casa!

Combinare ipoteche diverse

Puoi anche stipulare ipoteche diverse: per esempio, più tranche a tasso fisso con una durata variabile oppure un’ipoteca a tasso fisso combinata con un’ipoteca Libor. 

Qual è il vantaggio? Il cosiddetto «livellamento degli interessi»: in caso di proroga di un contratto, la variazione degli interessi non riguarda l’intero debito, ma solo una frazione. 

Se si desidera combinare ipoteche, tuttavia, è necessario impegnarsi a lungo termine con un partner finanziario. Se, per esempio, la tua ipoteca Libor scade prima dell’ipoteca a tasso fisso, una parte della garanzia viene «liberata». Tuttavia, non è possibile ipotecare questo importo presso un’altra banca più conveniente, in quanto la cartella ipotecaria deve rimanere presso la tua banca come garanzia per la seconda ipoteca. È possibile riscattare l’ipoteca parziale solo con una scissione della cartella, ma questa operazione è molto complessa e costosa.

Wow, ora prendi un bel respiro! Le ipoteche non sono un argomento facile. Adesso però disponi delle nozioni principali sui vari modelli esistenti, ma il mio consiglio è di leggere e raccogliere ancora più informazioni per acquisire ancora maggior sicurezza. A un certo punto scatterà la molla e capirai qual è l’ipoteca giusta per l’acquisto della tuaa casa. È stato così anche per me. Infine con il calcolatore ipotecario potrai valutare meglio la tua situazione finanziaria e trovare più facilmente l’ipoteca che fa per te. Se hai bisogno di aiuto nella scelta di un partner finanziario o se hai domande sul modello ipotecario appropriato, non esitare a contattarmi.  Il numero di telefono è proprio qui sotto.

Qui Rex e Christian riassumono ancora una volta tutte le informazioni sui modelli ipotecari per te:

(Il video è in svizzero tedesco... Ma per fortuna è possibile visualizzare i sottotitoli selezionando la lingua desiderata nelle impostazioni.)

Confronta ipoteche online: è semplice!

Ne hai abbastanza di doverti orientare nella giungla delle ipoteche? Qui puoi confrontare online le ipoteche: semplicemente, passo dopo passo. Con meno rischio di confusione.

Confrontare le offerte